Laserterapia in Podologia

La Laserterapia in ambito medico è una forma di terapia che utilizza luce laser ad alta energia per stimolare la guarigione dei tessuti, ridurre il dolore, l’infiammazione e promuovere il recupero.
Il laser emette fotoni che vanno ad interagire con i tessuti apportando sia effetti fotochimici che effetti termici sull’organismo.

Il laser ad alta energia secondo la metodica del Dott. Bonciani (Metodo Bonciani), è un laser di alta potenza che sfrutta i benefici della luce defocalizzata. Miscelando le varie lunghezze d’onda disponibili, la modalità di emissione, il tempo di esposizione (pertanto i Joule somministrati) e la potenza, permette di definire gli effetti della metodica stessa: J=W x s.

Si distingue dai laser tradizionali grazie alla sua maggiore potenza e precisione, in quanto è possibile modificare le lunghezze d’onda e la modalità di emissione in funzione della patologia da trattare, penetrando più in profondità nei tessuti e offrendo una gamma più ampia di benefici terapeutici.

La collaborazione Medico-Podologo crea un rapporto diretto e sinergico tra le due figure medico professionali, offrendo specificità e qualità del trattamento nei confronti delle patologie del piede.
Il medico valuta e diagnostica il problema, il podologo lo elabora, dopodiché procedono sviluppando un iter terapeutico, associando modifiche meccaniche come quelle dell’ortesi plantare ad un trattamento di laser terapia a scopo antinfiammatorio, antalgico e biostimolante.

Le patologie del piede spesso sono legate a sovraccarico, overuse, squilibri posturali e funzionali, per questo è fondamentale la collaborazione e il continuo confronto fra i due specialisti: il podologo deve individuare esattamente la tipologia di problematica effettuando una valutazione sia statica che dinamica del piede, ricercando eventuali deficit funzionali per eventualmente correggerli con una terapia ortesica plantare o esercizio terapeutico mirato.

Generalmente, quando si parla di tendiniti e peritendiniti (t. Posteriore, t peronieri, t. Achille, t estensore comune, t tibiale anteriore) si utilizza un approccio antinfiammatorio; quando invece si trattano problematiche come tendinosi, fasciosi, noduli Ledderhose (tendinosi achillea , tendono si T.post , fasciosi plantare) andiamo ad utilizzare anche un’ azione biostimolante.

Per quanto riguarda tallodinie , Haglund , speroni , calcificazioni utilizziamo un protocollo terapeutico misto combinando l’azione antinfiammatoria e biostimolante.

Dott. Pietro Bonciani Medico Chirurgo Spec.Medicina dello Sport

Sofia Bonciani Massofisioterapista

Dott. Emiliano Brunellli Podologo


In collaborazione con Laboratorio Podologico
 https://laboratoriopodologico.com/
© Copyright - Dr. Pietro Bonciani - P.IVA 01261660508